MANTOVA -Ha preso il via venerdì 1 giugno il nuovo servizio per sorvegliare i principali parchi pubblici, servizio fortemente voluto dal Comune di Mantova. Durante l’estate dieci custodi controlleranno le principali aree verdi della città e saranno collegati con la centrale operativa della Polizia Locale in modo da segnalare le situazioni inadeguate di decoro e di sicurezza. A coordinarli sarà un’altra persona dagli uffici di Aster a Borgochiesanuova.

I controllori dei parchi e dei giardini sono stati presentati nel giorno dell’avvio del servizio in piazza Virgiliana dal sindaco Mattia Palazzi, affiancato dall’assessore alla Polizia Locale Iacopo Rebecchi, dal comandante della Polizia Locale Paolo Perantoni, dal presidente e dal direttore di Aster Michele Chiodarelli e Ildebrando Volpi. Insieme a loro anche il Prefetto Sandro Lombardi.

Il servizio sarà attivo nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre. I custodi entreranno in azione tutti i giorni dalle 15 alle 21 in giugno, dalle 16 alle 22 in luglio e in agosto e di nuovo dalle 15 alle 21 in settembre.
I parchi e i giardini controllati sono sette: piazza Virgiliana, piazza Pallone, Lungorio, Giardini Valentini, piazza Bertazzolo, giardini di viale Piave e Nuvolari.

I custodi si sposteranno a piedi e in bicicletta elettrica con il compito di sorvegliare due parchi a testa. Potranno raccogliere le segnalazioni dei cittadini, rilevare i comportamenti scorretti come l’abbandono di rifiuti e la presenza di cani non tenuti al guinzaglio ed in caso di illeciti come lo spaccio di droga e le molestie. Altri reati saranno segnalati alla Polizia Locale e alle Forze dell’Ordine.

Per essere identificati indosseranno una divisa. Hanno seguito un corso di formazione per diventare accertatore ambientale, una qualifica che consentirà di elevare sanzioni, in base al regolamento di polizia urbana, a chi getta i rifiuti a terra, non raccoglie le deiezioni del proprio cane e non rispetta il verde pubblico. Per garantire questo servizio il Comune di Mantova ha investito 50mila euro.

“Con i custodi dei parchi – ha dichiarato il sindaco Palazzi – intendiamo andare incontro alle esigenze di sicurezza dei cittadini e delle famiglie che vogliono vivere gli spazi verdi della città in totale serenità. Oltre agli ingenti investimenti in telecamere per avere occhi elettronici che vigilano gli spazi pubblici, vogliamo investire anche in risorse umane che siano punti di riferimento per i cittadini e che sanzionino chi non rispetta le regole, come abbiamo fatto con i vigili di quartiere. Accanto ai custodi dei parchi proseguirà l’intervento di aiuto sociale per coloro che non commettono reati e non disturbano, ma sono emarginati e possono contare sull’aiuto dell’assistenza sociale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *