MANTOVA – Si terrà giovedì 25 ottobre il workshop “Mantova Human Design Forum 2018”, dedicato all’accessibilità e all’inclusione urbana, organizzato dal Politecnico di Milano – Polo Territoriale di Mantova e dal Comune di Mantova, in collaborazione con Vivi Amo Mantova. Il progetto è animato da una rete di organizzazione del territorio e da Land Repair Lab, il Laboratorio di Ricerca del Politecnico di Milano.

“Dal 2016 si è costituito un gruppo di lavoro coordinato dall’assessorato al Welfare, dal Csv e da Anffas – ha evidenziato l’assessore al Welfare del Comune di Mantova Andrea Caprini – che coinvolge diverse realtà, associazioni, operatori, impegnati sul tema della disabilità e dell’inclusione. Le persone con disabilità hanno uguale diritto di ascolto e di rispetto. A volte basta poco, stare attenti a come si lascia la bicicletta sul marciapiede o a come si parcheggia l’auto, per rendere uno spazio urbano inaccessibile a una persona con disabilità. Il Comune di Mantova è in prima linea per garantire equità e diritti alle persone con disabilità. Il workshop approfondirà questi temi, insieme ai ricercatori, alle associazioni, ai tecnici e agli amministratori comunali”.

L’evento è in programma a partire dalle 10 nel Salone Mantegnesco della Fondazione UniverMantova in via Scarsellini 15. Sarà l’occasione per riflettere, insieme ad esperti, operatori e cittadini, su cosa significhi una città accessibile a tutti e su come possa essere possibile attivare azioni che favoriscano la partecipazione, l’inclusione sociale e le pari opportunità. Promuovendo un ascolto ed un dialogo interdisciplinare, il Forum prevede interventi sia di carattere teorico che esperienziale.

Nella sessione mattutina, con l’aiuto di due esperti, si parlerà degli sguardi sul tema del limite e della fragilità e sul tema dell’integrazione nella città. Nella sessione pomeridiana, dalle 14 in poi, verranno esposte esperienze di rilevante interesse, suddivise in diversi tavoli di lavoro, funzionali al confronto e alla conoscenza di buone pratiche già intraprese a livello nazionale. I tavoli di lavoro proporranno tre chiavi interpretative: fragilità e barriere, edifici e città, turismo e quotidianità.

Alle 17, vi sarà una sessione plenaria che servirà per tracciare le strategie condivise per poter sviluppare le proposte operative per la città. Seguirà lo spettacolo: “Le nostre fragilità, le nostre passioni” per conoscere gli ospiti e ascoltare tre storie di passione. Interverranno: Giulia Ghiretti, campionessa paralimpica di nuoto, Nunzia Vannuccini e Jascha Blume de L’altro spazio di Bologna e Valentina Tomirotti, giornalista e blogger. La serata si concluderà con un aperitivo. Informazioni: 0376 317011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *