Un anno sulla Mantova-Cremona-Milano, il video di Lorenzo ne conferma la “maglia nera”

MANTOVA – Chi per lavoro e chi per studio è costretto a vivere da pendolare sulla linea ferroviaria Mantova-Cremona-Milano, si è imbattuto almeno una volta negli innumerevoli disservizi che, tra ritardi, cancellazioni e guasti, hanno fatto assegnare più volte la triste “maglia nera” alla sfortunata tratta. Lorenzo Ziliani, 23enne cremonese studente universitario a Milano, ha frequentato assiduamente il collegamento tra Cremona e il capoluogo lombardo, filmando di volta in volta le disavventure col cellulare.

Lorenzo Ziliani (da Facebook)

Il video, che riassume in 7 minuti e mezzo un anno di spostamenti, postato sulla sua pagina Facebook, è diventato virale in poco tempo, guadagnandosi spazio sulle principali testate nazionali. La bravura di Lorenzo, oltre che nel realizzare un montaggio degno di un servizio delle Iene, è stata quella di cogliere anche i disagi dovuti all’inciviltà dei passeggeri che, quando non ci si mettono i ritardi, possono rendere comunque sgradevole il vaggio. La convivenza forzata in un piccolo spazio con altre persone si sa, non è sempre facile così, i piedi sui sedili, l’odore di fastfood e di chi ha poca confidenza col sapone, diventano ancora più fastidiosi se, a causa dei ritardi, il viaggio arriva ad essere allungato anche di due ore.

L’immancabile sorriso e l’ironia con cui Lorenzo Ziliani ha confezionato il filmato, non sminuiscono la grave situazione in cui versa la linea che collega la nostra città a Milano. Sono centinaia gli studenti e i lavoratori che ogni giorno prendono il treno da e per la città meneghina, (i numeri ufficiali parlano di 10mila passeggeri giornalieri). I numerosi tratti a binario unico causano la maggior parte dei ritardi, spesso dovuti alle interminabili attese per i convogli provenienti dalla direzione opposta. Inoltre, nonostante i treni Vivalto usati siano moderni, i continui guasti obbligano Trenord a dover sopprimere delle corse, spesso non sostituite da autobus.

Nei giorni scorsi la linea lombarda è stata al centro di un dibattito dal quale è emerso che Trenord non prevede nessun intervento per i prossimi due anni. Inoltre, con l’entrata in vigore del nuovo orario ferroviario dal 9 dicembre, verranno effettuati dei tagli alle corse che, su alcune tratte, potrà essere effettuato anche con i bus. La conferma è arrivata dall’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri in Commissione Trasporti della Regione Lombardia: “il 5% del servizio su ferro sarà sostituito da servizio su gomma. Le linee più penalizzate saranno quelle del sud della Lombardia, come la Mantova-Cremona-Codogno“. Il dottor Piuri ha anche annunciato che Trenord, solo quest’anno, pagherà a Regione Lombardia 26 milioni di euro di penali, il valore di 4 treni nuovi.

E’ un cane che si morde la coda, più disservizi, maggiori spese, minori investimenti e società di trasporto alternativo, come ad esempio Flixbus, che da gennaio ad oggi hanno raddoppiato il loro fatturato.

Dal momento in cui i pendolari dovranno mettersi il cuore in pace almeno per i prossimi 24 mesi, un consiglio utile ce lo fornisce Lorenzo alla fine del video: nelle ore accumulate di ritardo, ha colto l’occasione per leggere dei libri. Leggere è un ottimo esercizio, mantiene in allenamento la memoria, allarga gli orizzonti e soprattutto mette di buon umore. Saranno forse stati i libri il segreto del sorriso di Lorenzo? Dalla città nota per il Festivaletteratura possiamo confermarvelo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *