Tutti uniti contro i cambiamenti climatici: Mantova in prima linea fa appello all’Europa

La città di Mantova insieme a 210 sindaci europei chiede all’UE il limite di emissioni al 2020, il dimezzamento al 2030 e il raggiungimento di emissioni zero entro il 2050

Ci restano solo 10 anni per salvare il pianeta. La città di Mantova insieme a 210 sindaci europei chiede all’UE il limite di emissioni al 2020, il dimezzamento al 2030 e il raggiungimento di emissioni zero entro il 2050

MANTOVA – I sindaci richiedono al Consiglio Europeo di impegnarsi per uno strategia di lungo termine per il clima con obbiettivi di riduzione delle emissioni ambiziosi e vincolanti. La città di Mantova si è unita a 210 altra città d’Europa, in rappresentanza di 62 milioni di cittadini per sollecitare il Consiglio d’Europa ad incrementare i propri sforzi nella lotta al cambiamento climatico, dimostrando una leadership globale per guidare il cambiamento verso l’adozione delle misure previste dal trattato di Parigi. Mantova, insieme alle maggiori capitali d’Europa come Amsterdam, Atene, Bucarest, Copenaghen, Londra, Madrid, Parigi, Stoccolma, Vienna e alle italiane Bologna, Firenze, Milano e Torino, chiede all’Unione Europea di sviluppare una strategia per il cambiamento climatico di lungo periodo che sia equa ed inclusiva, che fissi al 2020 il limite delle emissioni, le dimezzi al 2030 e diventi carbon neutral entro il 2050; accrescere gli obbiettivi dell’Ue 2030 per il clima e l’energia e i Contributi Nazionali per garantire una transizione resiliente, rapida ed equa; allineare il bilancio dell’Ue con tale strategia, eliminando i sussidi ai combustibili fossili e dare priorità alle azioni sul clima all’interno di tutti i programmi di finanziamento; impegnare tutti gli Stati membri agli obbiettivi di emissioni zero.

A causa dei cambiamenti climatici, anche gli orsi polari sono a rischio estinzione

“Come sindaco di Mantova sono orgoglioso di aggiungere il nome della mia città a questa lettera, firmata dai sindaci di tutta Europa – ha affermato Mattia Palazzi, sindaco di Mantova -. I cittadini mantovani hanno le stesse preoccupazioni di tutti i cittadini europei, per i loro figli e per il loro futuro. La città di Mantova è già impegnata concretamente su questo fronte ma c’è bisogno del sostegno di tutti i livelli istituzionali, iniziando dal Governo e dall’Europa, per garantire il raggiungimento di questi ambiziosi ma necessari obiettivi”.

 Nell’aprile 2017 il sindaco di Mantova Mattia Palazzi, insieme alla Giunta, aveva sottoscritto la lettera di adesione al documento, dando così il sostegno della nostra città all’appello volto ad attuare una strategia per raggiungere emissioni zero entro il 2050. Il documento è stato inviato oggi dal sindaco di Parigi Anne Hidalgo al Consiglio Europeo.

Il Comune di Mantova ha sottoscritto nel febbraio 2019 il Patto dei Sindaci per il Clima e l’Energia ed è membro del network di città europee denominato Energy Cities, tra i promotori dell’appello.

Greta Thunberg si è impegnata attivamente in prima persona, riuscendo ad esporre al Parlamento Europeo i principali problemi legati al clima e al surriscaldamento globale

L’ente di via Roma è impegnato attivamente in numerosi progetti europei finalizzati allo sviluppo di strategie per mitigare gli effetti negativi del cambiamento climatico e per ridurre le emissioni di gas climalteranti. La città di Mantova ha ospitato nel 2018 il Primo Forum Mondiale sulle Foreste Urbane, promosso dalla Food and Agriculture Organisation (Fao) delle Nazioni Unite e organizzato congiuntamente dal Comune di Mantova, Fao, Politecnico di Milano e Sisef, per contribuire attivamente a sensibilizzare un numero sempre più ampio di persone sulle tematiche legate alla sostenibilità ed in particolare al ruolo cruciale della forestazione urbana. Recentemente ha confermato l’impegno ambientalista in consiglio comunale con l’approvazione del progetto governativo “Politica plastic free” all’interno dei propri uffici e per promuovere tale approccio anche presso le attività e le iniziative promosse da enti privati e altri enti pubblici locali.

Rispondi