Sabato 20 e domenica 21 luglio visite gratuite alla Torre dell’Orologio

MANTOVA Sabato 20 e domenica 21 luglio dalle 10 alle 18 è in programma l’apertura straordinaria e gratuita della Torre dell’Orologio di piazza Erbe in centro città. Con questa iniziativa il Comune di Mantova aderisce alla proposta formulata dalla Regione Lombardia di aprire alcune eccellenze culturali della Regione, fra cui la Torre dell’Orologio, in occasione della visita del Presidente Attilio Fontana nei luoghi della provincia colpiti dal terremoto del 2012.

La Torre dell’Orologio, di impianto rettangolare e costruita nel 1472-73 su progetto di Luca Fancelli e su richiesta del marchese Ludovico II, prende il nome dall’antico orologio realizzato da Bartolomeo Manfredi, meccanico, matematico e astrologo alla corte dei Gonzaga, noto anche come Bartolomeo dell’Orologio. L’Orologio venne inaugurato nel dicembre del 1473. Il quadrante riporta le ore contrassegnate da numeri romani, e fornisce altre indicazioni come i segni zodiacali, le ore planetarie, i giorni della Luna e la posizione degli astri per sapere se un certo momento della giornata è sotto l’influsso di pianeti favorevoli. Con il sisma del 2012 la Torre ha subito lesioni, successivamente è stata ristrutturata e messa in sicurezza.

All’interno della Torre, con accesso dal salone di Palazzo della Ragione, è allestito il Museo del Tempo con l’esposizione degli oggetti e degli ingranaggi tralasciati o sostituiti nel corso del tempo da chi mise mano all’orologio. E’ possibile vedere la corona quattrocentesca, le lancette, i segni zodiacali in rame sbalzato e un moderno pendolo di Foucault. Inoltre, sono presenti le due strutture ottocentesche in legno e lamiera intagliata che, ruotando dietro le finestrelle ottagonali, consentivano la lettura anche notturna dell’orologio. Si possono osservare i meccanismi della macchina dell’orologio, ma anche il panorama mozzafiato che si apre all’ultimo piano della Torre dove si coglie una delle viste più belle della città spaziando con lo sguardo fino ai laghi che circondano Mantova.

Rispondi