I mille volti di Ugo Tognazzi al centro della dodicesima edizione di MantovaFilmFest

MANTOVA – La dodicesima edizione del MantovaFilmFest ritorna con sei giorni di proiezioni, più di trenta film, tanti ospiti e tre importanti premi da assegnare. Da martedì 20 a domenica 25 agosto, un programma all’insegna del cinema italiano e, da quest’anno, anche internazionale. L’immagine ufficiale ha il volto di Ugo Tognazzi, il celebre attore cremonese cui sarà dedicata una breve restrospettiva. Una nuova sezione, quella delle opere prime internazionali, affiancherà il concorso per il miglior film con i dieci migliori esordi del cinema italiano di quest’anno. 
Non mancherà la sezione dedicata ai film documentari, una panoramica sul cinema del reale di produzione italiana, fucina di sperimentazione e palestra per esplorare nuovi linguaggi. In partnership con Mymovies.it-il cinema dalla parte del pubblico, il più diffuso sito internet dedicato al mondo del cinema. Confermate anche per il 2019 le location del MantovaFilmFest: il Mignon, la prima storica sala d’essai di Mantova, con i suoi due spazi, al chiuso e all’aperto, e il Conservatorio Campiani con l’auditorium, il chiostro e il giardino. Oltre mille posti per cinque schermi. La manifestazione è stata presentata ufficialmente giovedì 1 agosto, nella sala Consiliare del Comune di Mantova, dal sindaco Mattia Palazzi, dal presidente del Mantova Film Studio Salvatore Gelsi e dal direttore del Conservatorio “Lucio Campiani” Salvatore Dario Spanò.

“La 6 giorni prevede la proiezione di oltre 35 film – ha spiegato Gelsi in conferenza stampa – tra lungometraggi, documentari e corti, opere prime e grandi classici del cinema italiano. 10 Opere Prime Italiane in concorso, 8 documentari, 5 opere prime internazionali e 8 lungometraggi dedicati alla Retrospettiva che omaggia Ugo Tognazzi”. “Il ‘Campiani’ – ha sottolineato Spanò – è onorato di questa collaborazione che porta avanti da anni e che sta crescendo. Una sinergia forte con il MantovaFilmFest che, oltre a proporre del cinema di qualità, ha contribuito a far conoscere ai mantovani, e non solo, i bellissimi spazi del Conservatorio di via Conciliazione”. “Un grazie a tutte le persone che contribuiscono alla realizzazione del MantovaFilmFest – ha detto il sindaco Palazzi –, evento che ogni anno appassiona e coinvolge tanti mantovani, e non solo. Un appuntamento importante che è cresciuto nel tempo e verso il quale il Comune conferma il suo sostegno e contributo. La nostra amministrazione, in scadenza di mandato, sta già lavorando per confermare il contributo anche per i prossimi anni. In questo modo gli organizzatori potranno programmare al meglio le prossime edizioni. Inoltre, abbiamo chiesto anche al Ministero della Cultura di sostenere questo Festival di qualità. E così per la prima volta il MantovaFilmFest avrà un finanziamento di 10mila euro dal Mibact che ringraziamo per la preziosa attenzione. La manifestazione va sostenuta ed ampliata perché è un appuntamento fisso ormai per la città e i mantovani”.

Pupi Avati

Ad accompagnare le proiezioni ci saranno numerosi ospiti, primo tra tutti il maestro Pupi Avati che riceverà un premio speciale alla carriera. Tra gli altri, incontreranno il pubblico l’attore Luigi Lo Cascio, il “produttore esordiente” Chef Rubio e l’illustratore Gipi.
Oltre alla Giuria Popolare, che consegnerà il Lauro d’oro di Virgilio al Miglior Film del Concorso Opera Prima, e a quella dei critici di MyMovies.it per il premio nella sezione Filmdoc, sarà riproposta la Menzione Speciale assegnata dalla Giuria Giovani. Sette ragazzi under 30, coordinati dal regista Gianluca De Serio (in concorso al Mantova Film Fest con il fratello Massimiliano nel 2011 con il loro primo film Sette Opere di Misericordia) valuteranno i film in concorso ed esprimeranno la loro preferenza.

L’apertura del Festival sarà affidata alla proiezione della nuova versione restaurata del capolavoro di Francis Ford Coppola APOCALYPSE NOW – FINAL CUT, un’occasione eccezionale per apprezzare quella che il regista ha definito la versione perfetta, e che in Italia è stata proiettata solamente una volta, lo scorso giugno a Bologna. Un’anteprima esclusiva di grande blasone per inaugurare il MantovaFilmFest 2019. Giovedì 22 faranno capolino Gipi e Gero Arnone per una Masterclass a partire dal loro ultimo film, Il ragazzo più felice del mondo. La serata di domenica 25 vedrà il pluripremiato Pupi Avati in dialogo con il critico Tatti Sanguineti, mentre per la cerimonia di chiusura si terrà uno speciale cine-concerto: verrà proiettata la versione restaurata in digitale di The Cameraman, gioiello di Buster Keaton accompagnato dal vivo dal pianoforte del Maestro Daniele Furlati.

L’ingresso alla manifestazione è regolata da un abbonamento (30,00 euro) che dà accesso a tutte le proiezioni e a tutti gli eventi della kermesse, fino a esaurimento dei posti. Tutte le informazioni e il programma completo sono disponibili sul sito ufficiale del MantovaFilmFest.