Palazzi e Baia Curioni fanno coppia fissa

24 Feb 2023 | Cronaca, Tutti gli articoli | 0 commenti

E si aggrega L’Occaso

Collezioni antiche. Da sballo. Anche per chi ama il moderno. Trapassato remoto coniugato ad hoc per Mantova.
Città antica (e vecchia). Sin troppo. Ma è il suo jolly. Arte, storia, cultura. Palazzi, musei, gallerie. Non sempre tutto coordinato. Si viaggia a singhiozzo. A seconda dell’aria che tira. Vedansi politiciamministratori-governanti.
Nasce il “Maca”. Tradotto in Mantova Collezioni Antiche.
Più che una stella nascente, una rilettura. Serviva la svolta. Recuperare le mura. Adeguare le sale. Inventariare.
“Maca”: titolazione che suona male. Nome non azzeccato. Castel Goffredo ha fatto meglio con “Mast”. Tant’è che gli si può abbinare “Paba”. Acronimo di Palazzi e Baia. Non uno scherzo.
Bensì un motivato simbolo. Sindaco e direttore della Fondazione Te fanno coppia fissa.
Hanno cominciato da principi colti. Come gemelli. Con la benedizione del già ministro della Cultura, Franceschini (PD). Quello Stefano Baia Curioni che, allora fresco vertice dell’oggi defunto Centro Te, già aveva buttato un occhio alle sepolte Collezioni.
Qualche idea di sviluppo sulle tracce dei suoi numerosi predecessori, da Erbesato ad A.Elkann in poi. Vani tentativi di sottrarre alle muffe i preziosi oggetti antichi. Ora la futuribile coppia “Paba” punta proprio su tali testimonianze per guadagnarsi un posto intellettualturistico in paradiso. Al duo si aggrega il direttore del Complesso di Palazzo Ducale, Stefano L’Occaso. Stringe rapporti di parentela tra Stato e Comune. Opere, tenute nascoste dai predecessori negli scantinati, che tornano al popolo. Mummia, reperti, marmi, oggetti: rughe che impreziosiscono la Mantova secolare. Ma che non le tolgono dal volto il velo di vecchiezza degli ultimi decenni.

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto