Separazione: casa di proprietà dei suoceri

16 Giu 2023 | Almanacco, Tutti gli articoli | 0 commenti

L’Avvocato Risponde

L’abitazione coniugale di norma viene assegnata dal Giudice al coniuge presso il quale la prole è collocata.
Ciò comporta che i suoceri non possano avere in restituzione il cespite di loro proprietà relativo all’abitazione coniugale assegnata, sino a quando la prole non sarà maggiorenne e autosufficiente.
Per cercare di garantirsi da tale evenienza, i suoceri possono preventivamente concedere al figlio/a il cespite, che sarà la futura casa coniugale , tramite un contratto di comodato, tra genitore e figlio/a, soggetto a registrazione, nel quale sia previsto un termine finale di durata (CD comodato precario) indicando contrattualmente la motivazione, che è quella di garantire al nuovo nucleo famigliare “un tetto”, ma solo per un determinato e limitato periodo temporale , ad esempio per 7-8 anni in attesa che la coppia acquisti una casa propria, evitando quindi una generica motivazione, ad esempio per esigenze familiari.
In tale modo il cespite viene per così dire “prestato”, per un periodo determinato alla coppia e vi è quindi la possibilità di chiederne e ottenerne la restituzione, ancorché assegnato in sede di separazione alla parte collocataria della prole.
Pertanto al momento della separazione coniugale, in questo caso il comodante (ad esempio il padre) può chiedere la restituzione del cespite ed il comodatario (ad esempio il figlio), ha l’obbligo di restituirlo e quindi la moglie , ove collocataria della prole, dovrà trovare altra collocazione per lei e per i figli.

Avv. Giorgio Marconi
del Foro di Mantova
www.avvocatomantovamarconi.it

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto