Don Vincenzo non perdona

4 Ago 2023 | Cultura & Società, Terza Pagina, Tutti gli articoli | 0 commenti

De Luca si conferma più che mai “sceriffo”

Sul web l’ultimo video-siparietto anti Sangiuliano di Vincenzo De Luca, 74 anni, governatore della Campania dal 2015, già sottosegretario ai Trasporti nel governo Letta, una vita a sinistra; ha cominciato col Pci e poi ha continuato: PDS, Ds, Pd. Da allora “Lo Sceriffo” non si è più fermato. Anzi è stato un crescendo rossiniano, anche in popolarità, facendo leva su una schiettezza e una prosa contigua al cabaret. Ultimamente ha messo nel mirino Elly Schlein (“È una a cacicca ante litteram”; “Il Pd in Campania è un partito in ostaggio”; “Mi colpisce vedere totali nullità in organismi nazionali del partito; “È imbarazzante: un’ora di armocromista costa 300 euro; sono due terzi di una pensione al minimo”). Già che c’era ha bacchettato pure il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi. Ha detto “don Vincenzo sornione, quasi alla Gigi Proietti. Ha spostato 13 miliardi, fondi di progetti già avviati. Questa è una rapina clamorosa ai fondi del Sud, risorse destinate al Mezzogiorno che vengono tagliate per poi essere spalmate sul piano nazionale”.
E giù bordate – par condicio? – anche al ministro Fitto accusato di “confusione generale nella gestione di questa materia”. Don Vincenzo non risparmia nessuno. Ne ha per tutti, di qualunque schieramento: destra, sinistra, centro, sotto, sopra, di lato. Ma l’ultima chicca supera tutte. Uno show. Nel mirino il ministro (napoletano) della Cultura, Gennaro Sangiuliano, quota Fratelli d’Italia, successore di Dario Franceschini, autore di saggi non indimenticabili, uno persino su Putin.
Ecco il testo integrale dell’unghiata di don Vincenzo: “Oggi non possiamo non dedicare un pensiero preminente ad una performance davvero straordinaria del ministro delle cerimonie Sangiuliano. Si tratta di una performance straordinaria che è avvenuta negli scavi di Pompei. Domenica mattina, su invito del ministro delle cerimonie, andiamo a Pompei per inaugurare un collegamento diretto della Alta Velocità Roma-Pompei. La domenica mattina nei Paesi civili viene in genere dedicata alla preghiera, al ragù, di questi tempi anche ad un bagno rinfrescante; invece siamo stati convocati domenica mattina, 40 gradi all’ombra, a Pompei, per assistere alla performance del ministro delle cerimonie.
“In che consiste? Ci siamo informati sul posto. Non lo sapevamo. L’evento consiste in questo. Il ministro attiva una linea di collegamento di alta velocità Roma -Pompei una volta al mese. Ma non è il collegamento diretto Roma-Pompei. No! Perché un treno che parte una volta al mese arriva alla stazione di Napoli – già oggi l’alta velocità arriva alla stazione di Napoli- poi si prende il pullman e si va agli scavi di Pompei. Ora uno immagina che la nuova linea inaugurata porti i turisti agli scavi di Pompei. No! La nuova linea prevede la fermata a Napoli, poi si ferma alla stazione di Pompei, poi col pullman agli scavi. Questa la performance prodotta dal ministro delle cerimonie. Dopo 2 giorni si sono resi conto del ridicolo e hanno attivato un servizio – così hanno detto – una volta alla settimana. Nel frattempo abbiamo scoperto che Italo ha delle linee dedicate a Pompei una volta al giorno. Non ci sono parole. Ho rivisto le immagini di quella domenica mattina; eravamo 300 squinternati, eravamo 300 giovani e forti, ma siamo morti … di calore. Anzi, di ridicolo”.
Incassato lo show e il sarcasmo di don Vincenzo, il ministro non ha fatto una piega e ha tirato dritto. “Boia chi molla”, come diceva Ciccio Franco durante la famosa rivolta di Reggio Calabria (1971). E Gennarino ha passato tutto in cavalleria: la contestazione delle Consulte universitarie; la bufera sul numero di visitatori agli Uffizi della mostra; gli scricchiolii dei sindaci del Lazio sulla “Rete dei borghi”.

Enrico Pirondini

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto