Madre inidonea, affidamento dei figli al padre

4 Ago 2023 | Almanacco, Tutti gli articoli | 0 commenti

L’Avvocato Risponde

Con propria ordinanza 30191/2019 la Corte di Cassazione ha disposto l’affidamento della figlia al padre, in quanto era stato accertato che la madre era troppo permissiva e, quindi ritenuta inidonea ad educarla.
Più precisamente, nel caso esaminato dalla Suprema Corte, era emerso che la madre non si occupava di ciò che necessitava all’educazione ed alla cura della figlia e, soprattutto, trascorreva poco tempo con la medesima, anche perché molto impegnata sul piano lavorativo.
La Suprema Corte ha quindi richiamato l’orientamento consolidato della giurisprudenza che ritiene che il giudice, per individuare il genitore più idoneo a garantire ai figli minori una maggiore stabilità sul piano affettivo ed educativo, debba tener conto di vari criteri, tra i quali vanno menzionati: il modo con cui i genitori hanno precedentemente svolto i loro compiti, la capacità di relazione affettiva, di attenzione, comprensione, educazione, la disponibilità dei medesimi ad un assiduo rapporto, la loro personalità, le loro consuetudini di vita e l’ambiente sociale e familiare che sono in grado di offrire al minore.
In relazione a quest’ultimo parametro, in particolare, la Corte di Cassazione evidenziava nella summenzionata ordinanza, gli ottimi rapporti che la figlia aveva instaurato con i nonni paterni, con la zia paterna, che contribuivano a giustificare il collocamento della medesima in via preferenziale, presso il padre quale genitore ritenuto più idoneo a garantire alla figlia un solido rapporto affettivo ed educativo.

Avv. Giorgio Marconi
del Foro di Mantova
www.avvocatomantovamarconi.it

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto