Ballate e Scherzi con stile

12 Set 2023 | Palcoscenico, Tutti gli articoli | 0 commenti

Cristiano Burato amplifica il suo omaggio pianistico a Fryderyk Chopin

È proseguito, domenica 3 settembre, lo straordinario percorso di Cristiano Burato verso l’esecuzione integrale delle opere di Fryderyk Chopin. Ospite dei Concerti della Domenica per il quarto anno, il celebre pianista di Volta Mantovana ha affrontato le quattro Ballate e i quattro Scherzi del grande compositore polacco in un concerto di totale omogeneità di stile e di programma e di assoluta matrice romantica, declinata in un linguaggio originale e personalissimo, di avvincente bellezza.

Ballate e Scherzi sono titoli che rinviano a generi diversi di diversa estrazione: la Ballata proviene dalla letteratura e ha per questo uno svolgimento narrativo che trova il proprio sbocco musicale nel lied, cioè nel canto; lo Scherzo appartiene alla tradizione musicale, che ha conosciuto in Beethoven la sua massima definizione. Ma in Chopin i due titoli assumono una fisionomia svincolata dal passato, dettata unicamente dall’urgenza sentimentale e caratterizzata sul piano narrativo da un’esposizione rapsodica a forti contrasti; e se anche delle Ballate si sono volute riconoscere le fonti d’ispirazione in alcune liriche di Adam Mickiewicz, sommo poeta polacco molto amato da Chopin, resta il fatto che la libertà espressiva delle quattro composizioni non permette affatto di identificare una fonte precisa. Cosicché, a ben guardare, benché le Ballate presentino una più accentuata elaborazione tematica, le analogie tra Ballate e Scherzi sono forse più forti ed evidenti delle differenze.

Una riprova si è avuta, a mio giudizio, nel concerto tenuto da Cristiano Burato al Teatro Bibiena.
Forte della rarefatta struttura formale, l’esposizione procedeva animata dall’adesione sentimentale del pianista all’ispirazione del compositore: concentrato a cogliere i cangianti moti d’animo di Chopin, Burato distendeva il suono in liriche e pacate arcate, luminose e controllatissime, là dove le indicazioni agogiche suggerivano quel clima sentimentale, per gettarsi poi in tempestose tensioni, spesso improvvise nello stile chopeniano, dove le mani volano sulla tastiera in scale rapinose, ottave vorticose, accordi pieni in fortissimo, e il pedale lega i suoni e ne gonfia i volumi.

Pianista romantico per vocazione, Cristiano Burato è esecutore d’eccellenza della musica di Chopin, che da più di trent’anni rivisita in continuazione: anche per questo la lettura delle Ballate e degli Scherzi da lui proposta domenica scorsa, condotta sulla base di una sostanziale unità stilistica, è parsa assolutamente convincente.
Il pubblico, non particolarmente numeroso in relazione alla fama del pianista – ma da un caldo pomeriggio domenicale d’inizio settembre non si poteva aspettarsi di meglio! – ha rivolto al pianista ovazioni calorosissime, ottenendo alla fine come bis un Valzer di Chopin.

La Stagione Concertistica MantovaMusica 2023, all’interno della quale si collocano, come è noto, differenti serie di concerti, proseguirà nel Cortile d’onore di Palazzo Te, dove per la serie Eterotopie torna l’Icarus vs Muzak, “un ensemble che si interroga sui molteplici percorsi della musica d’oggi”, come esso stesso si definisce. Presenterà un progetto in due parti che vuole riflettere su “la libertà nella musica”: la prima parte, intitolata “Professor Bad Trip” viene proposta venerdì 8 settembre (ore 21) sotto la direzione di Dario Garegnani (la seconda parte è calendarizzata per il 23 prossimo).
Domenica 10 settembre, alle ore 17., I Concerti della Domenica faranno tappa all’Auditorium Monteverdi presso il Conservatorio “Lucio Campiani”, per offrire a Bruno Gambarotta (voce narrante), alla flautista Elena Cornacchia e al pianista Giorgio Costa la possibilità di intrattenere il pubblico “nel segno di Mozart”. r.c.

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto