Mantova Calcio 1911: adesso si pensa in grande con…Piccoli

4 Ago 2023 | Cronaca, Sport, Terza Pagina, Tutti gli articoli | 0 commenti

Dopo la retrocessione e dopo il ripescaggio in serie C la società cambia pelle

Dopo mesi di agonia, il calcio mantovano prova a risollevarsi. Lo scorso 13 maggio, era difficile fare previsioni sul futuro del Mantova Calcio: una squadra appena retrocessa tra i dilettanti, una società in mano a troppi soci. Sembrava il preludio ad altri anni bui, ai quali i tifosi virgiliani sono ormai abituati. Ma nel calcio, si sa, gli umori possono cambiare radicalmente nel giro di poco tempo. Ed è quello che sta accadendo in questa magica estate, che sta regalando finalmente belle notizie ai biancorossi. Prima il ripescaggio in Serie C, poi una campagna acquisti ricca e lungimirante (tanti giovani tra i volti nuovi), infine il passaggio di consegne a capo della società, da Setti a Filippo Piccoli (foto).
Così il comunicato ufficiale: “Mantova 1911 comunica che è stata formalizzata l’acquisizione da parte del presidente Filippo Piccoli delle quote, pari al 46,5%, precedentemente detenute da Maurizio Setti. Attraverso l’operazione citata, il presidente Piccoli diventa socio di maggioranza con il 93% delle quote”. Dunque, dopo cinque anni, finisce l’era Setti e inizia quella di Piccoli, imprenditore veronese e già sponsor dell’Hellas Verona.
Stupisce vedere un uomo solo al comando di viale Te, dopo anni di cordate e di soci. Piccoli spiega le ragioni di questa scelta: “Preferisco avere una filiera corta, che mi permetta di essere più rapido nelle decisioni. Sono consapevole delle responsabilità, ma penso che fosse necessario un cambio di passo: questa società ha perso troppo terreno negli ultimi anni”.
I primi risultati della “filiera corta” cominciano già a vedersi, soprattutto in ottica calciomercato. Infatti, nell’arco di venti giorni la squadra è stata quasi completamente rivoluzionata (sono rimasti solo tre giocatori della scorsa stagione) e si presenta ai nastri di partenza come una mina vagante. Merito del presidente? Piccoli preferisce attribuire gli elogi al nuovo direttore tecnico, Cristian Botturi.
“Il progetto ambisce a riportare il calcio a Mantova” – spiega Piccoli – Vogliamo riportare la società dove le spetta (in Serie B? n.d.r.), ma in modo sano e senza sperperare soldi. Non so quanto tempo ci metteremo e non mi sento di fare proclami; tuttavia, ci sono buone premesse per fare bene”. In effetti, la ventata d’aria fresca portata dal nuovo corso ha già portato entusiasmo nei tifosi. Lo dicono i numeri, come quelli degli abbonati, raddoppiati rispetto allo scorso anno. Che messaggio vuole dare il presidente ai tifosi? “Per conquistarli, penso che servano due ingredienti: serietà e vittorie. Le seconde sono conseguenza della prima. Poi è chiaro che non sempre è immediato vincere, anche perché affronteremo rivali attrezzati e competitivi. Io voglio essere onesto: non sono un magnate, quindi non posso garantire spese folli. Però sono un imprenditore e un appassionato di calcio. Farò di tutto per risollevare l’azienda Mantova, cercando di scegliere le persone giuste”.
Per ridare credibilità al Mantova Calcio, è fondamentale ristrutturare lo stadio “Martelli”. Piccoli non si nasconde e manda un messaggio perentorio all’Amministrazione comunale: “Prima o poi bisogna sistemare questo problema. Ne ho già discusso con la giunta. Premetto che dobbiamo scordarci l’idea di uno stadio nuovo. Mancano i fondi, mancano le idee. Il Comune sarebbe disposto a darci una mano, ma prima vuole delle garanzie sulla solidità della società. Mi incontrerò con il sindaco a fine agosto per stabilire l’agenda di lavoro”.
Piccoli ha la grinta e la passione del presidente: si percepisce la voglia di prendere le redini dell’azienda. Eppure, formalmente non ha ancora il 100% delle azioni. Infatti, il 7% è in mano a soci minoritari (tra cui Pecchini e Masiello).
“Per ora è importante aver ottenuto la maggioranza. A settembre, però, farò delle valutazioni. Infatti, la presenza dei sette soci non è funzionale, anche perché alcuni di loro non seguono le vicende della squadra e non danno un particolare contributo. L’idea è di riuscire, in futuro, ad avere il 100% delle azioni”.
Ciò che non manca al neo presidente è la schiettezza. Vuole metterci la faccia, che le cose vadano bene o male. Come è accaduto al termine della partita contro l’Albinoleffe, che sancì la retrocessione in Serie D. Quel giorno, Piccoli parlò in conferenza stampa e ammise la propria delusione. Ora, a distanza di qualche mese, ripensando a quei momenti dichiara: “Dopo il fischio finale ero a pezzi, non sapevo a chi aggrapparmi. Ho iniziato la mia esperienza al Mantova a metà della scorsa stagione, quando i giochi erano ormai fatti. La precedente proprietà aveva fatto un mercato in chiaroscuro, comprando calciatori già infortunati o non presentabili sul piano atletico. In più, la scelta dell’allenatore (Corrent, n.d.r.) ha peggiorato i rapporti con i tifosi, che non gradivano il suo passato al Verona. Tutto questo ha portato a una stagione fallimentare, non lo nascondo”.
Piccoli si affida a due profili giovani e promettenti: il direttore tecnico Botturi e l’allenatore Possanzini. Il mister ha già fatto intravedere buone cose nelle prime amichevoli, nelle quali il nuovo capitano Burrai e compagni si sono presentati ai tifosi. La carriera di “Possa” è più che rispettabile: un passato da bomber del Brescia (in serie B) e gli inizi in panchina come vice di Roberto de Zerbi. Partenza del campionato il 3 settembre.

Francesco Raffanini

Sintonizzarsi con Alzheimer

Esiste una sorta di falsa credenza generalizzata: le persone con l’Alzheimer o altri tipi di demenza tendono a disconnettersi dal mondo esterno per entrare nel loro mondo interiore distante e irreale. Questo non è vero, e solo pensando che la persona affetta da Alzheimer sia diversa, perde la sua identità di fronte alla società e i suoi sentimenti perdono la loro validità quasi in modo automatico.

leggi tutto

Ostiglia, ricco cartellone

Tre commedie brillanti con attori e Compagnie di caratura nazionale, una serata di Teatro Canzone con un grande interprete e il tradizionale appuntamento con l’Operetta il 16 gennaio caratterizzano il sedicesimo cartellone della Stagione Teatrale 2024 di Ostiglia, in partenza al Teatro Monicelli l’11 gennaio con “Pigiama per sei”,
con un cast di attori di tutto rispetto: Laura Curino, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Rita Pelusio.

leggi tutto